AFS Agenzia FotoSpot

"COSI' FAN TUTTE", LA "SOLESTA'- CANTALAMESSA" RESPINGE LE ACCUSE

"COSI' FAN TUTTE", LA "SOLESTA'- CANTALAMESSA" RESPINGE LE ACCUSE

La polemica su la mancata presenza di alcune scuole alla rappresentazione di "Così fan tutte" di Mozart al Ventidio Basso di Ascoli per il presunto contenuto scabroso ha indotto la dirigente della scuola "Borgo Solestà - Cantalamessa", professoressa Silvia Giorgi,  ad intervenire sulla questione:

"Vista la  risonanza data, anche a livello nazionale, alla polemica in merito alla mancata partecipazione delle scuole all'opera in oggetto ritengo di dover  chiarire, al riguardo,  la posizione mia e dell'istituto comprensivo " Borgo Solestà- Cantalamessa"che dirigo: 

La Scuola Secondaria di I grado Ceci- Cantalamessa con corso ad indirizzo musicale,  partecipa  al progetto "Ventidio Basso Giovani" e inserisce annualmente le iniziative proposte nel Piano dell'Offerta Formativa.  Nel corrente anno scolastico i docenti, in accordo con la dirigenza,  hanno scelto di aderire a due delle tre opere  riservate alle scuole: Il Trovatore e Falstaff, rispettivamente nei mesi di ottobre e febbraio. Le ragioni della scelta operata  sono dettate dall'esigenza di armonizzare le attività  curricolari ed  extracurricolari garantendo, in modo sostenibile, lo spazio necessario ad iniziative "eccezionali" comunque ritenute  funzionali al raggiungimento degli obiettivi e dei traguardi fissati dalla programmazione ordinaria. Premesso che, anche volendo mettere in dubbio la cultura musicale di tutti gli altri (compresa me),la preparazione e la professionalità dei docenti di educazione musicale e strumento (pianoforte, clarinetto, flauto traverso e chitarra classica) dell'ISC fa escludere a priori  che la scelta di non partecipare al Così fan tutte di Mozart possa essere stata dovuta al pregiudizio sul presunto eccessivo alone erotico della tematica, ci si chiede da quale fonte sia arrivata tale notizia e con quale presunzione sia stata attribuita a tutte le scuole non partecipanti e addirittura al sentire dell'intera città. Nel caso specifico si è scelto di non aderire poichè a novembre ci sono state moltissime attività che hanno coinvolto i ragazzi della scuola media ( giornate del FAI, Giornata dei diritti dell'infanzia, progetti di latino,  tedesco e teatro sociale, punto luce delle lingue e dei linguaggi, giochi matematici, giornata di lettura, ecc).

Inoltre, sono in corso i preparativi per i concerti di  Natale (orchestra   del corso musicale e cori degli alunni della scuola media, primaria e infanzia)e quindi, in questo periodo si dà maggior rilievo alla "produzione" musicale rimandando ad altri momenti la cura della "fruizione". Infine, quando legittimamente si opera una selezione delle attività didattiche  vanno considerati   gli aspetti organizzativi di attività che comportano la vigilanza dei ragazzi al di fuori dell'orario scolastico e i costi, a carico di famiglie e accompagnatori, da sostenere. Detto tutto ciò dispiace molto che attraverso giornali locali e nazionali e social vari, senza alcun riscontro oggettivo e senza almeno un confronto preliminare con la scuola stessa, arrivino a questo Istituto (ma anche agli  altri della città che hanno declinato l'invito) e al suo personale irrispettose accuse e taglienti giudizi. Purtroppo, sembra che in questo caso ci si sia lasciati contagiare dall'attuale  moda di "criticare  senza conoscere" (sintetizzabile ad hoc in un amaro " così fan tutti") di cui la scuola è spesso un facile bersaglio. 

Dott.ssa Silvia Giorgi 

Dirigente Scolastico

ISC Borgo Solestà-Cantalamessa

      Ascoli Piceno

Categorie e Argomenti