AFS Agenzia FotoSpot

SPEZIA-ASCOLI 2-1

SPEZIA-ASCOLI 2-1

Nuova sconfitta per l'Ascoli che tiene solo un tempo contro lo Spezia per poi subire per tutta la ripresa.  Una battuta di arresto solo in parte mitigata dai risultati negativi delle dirette concorrenti. I bianconeri hanno ancora un minimo vantaggio sulla zona play out ma è chiaro che la squadra di Aglietti dovrà reagire e subito se non vorrà essere risucchiata nelle zone pericolose della graduatoria. Come previsto il tecnico cambia molto. Rispetto alla sconfitta col Pisa sono cinque i nuovi dal primo minuto schierati contro lo Spezia: Gigliotti, Bianchi, Cassata, Gatto e Bentivegna. Una quarantina i tifosi bianconeri sugli spalti del Picco che sacrificano il “martedì grasso” per la lunga trasferta.

Il primo tempo si gioca su quattro episodi. Il primo è il fallo di mano di Gigliotti che dopo tre minuti concede il rigore allo Spezia, grande parata di Lanni su Granoche. Il secondo e il terzo riguardano Favilli: prima il centravanti sfiora il gol ma Chichizola ribatte col corpo in uscita, poi si fa ammonire e verrà squalificato. Salterà il Ascoli-Novara. L’ultimo episodio è il gol di Piccolo che da lunga distanza  beffa Lanni con un tiro che rimbalza a terra e passa sotto le braccia del portiere proteso in tuffo. Il primo tempo si chiude sull’1-0 e l’Ascoli ancora una volta non è stato cattivo per colpire quando lo Spezia era in difficoltà a metà del tempo.

La ripresa si apre senza cambi e senza emozioni nel primo quarto d'ora. Poi Aglietti inserisce Cacia e Slivka per lo spento Bentivegna e lo stanco Bianchi. Ma è lo Spezia a prendere il sopravvento ed è solo Lanni a tenere in piedi i bianconeri con interventi decisivi. Alla fine anche il portiere si deve arrendere ad un colpo di testa di Granoche: 2-0 e partita virtualmente finita a meno di venti minuti dalla fine. L'Ascoli ci prova con Cassata e Cacia  e riapre la sfida proprio al novantesimo con un colpo di testa di Gigliotti che si insacca all'incrocio dei pali. I quattro minuti di recupero scorrono però senza sussulti. Finisce 2-1, evidentemente non era giornata.

SPEZIA (4-3-3): Chichizola; De Col, Terzi, N. Valentini, Ceccaroni; Pulzetti (39’ st Sciaudone), Signorelli (30 st Maggiore), Djokovic; Piccolo (34’ st Mastinu), Granoche, Fabbrini. A disp.: A. Valentini, Datkovic, Vignali, Errasti, Baez, Okereke. All. Di Carlo.

ASCOLI (4-2-3-1): Lanni; Almici, Gigliotti, Mengoni, Felicioli; Addae, Bianchi (23’ st Slivka); Gatto (30’ st Orsolini), Bentivegna (18’ st Cacia), Cassata; Favilli. A disp.: Ragni, Cinaglia, Mogos, Mignanelli, Carpani, Slivka, Lazzari. All. Aglietti.

ARBITRO: Rapuano di Rimini.

RETI: 45’ pt Piccolo (S), 26’ st Granoche (S), 45’ st Gigliotti (A).

NOTE: ammoniti Gigliotti (A), Terzi (S), Favilli (A), Cassata (A).

Categorie e Argomenti