VIVARINI: “LA SCONFITTA PROPRIO NON CI STA, MA POTEVAMO FARE MEGLIO”

Vincenzo Vivarini è deluso ma non fa drammi per la prima sconfitta interna: “E’ stata una partita molto strana, condizionata dagli episodi, purtroppo negativi per noi. L’Ascoli era partito benissimo, con la testa giusta. Poi il modo in cui è arrivato il pareggio ha condizionato tutto lo svolgimento della gara: ci siamo innervositi perdendo attenzione su quello che dovevamo fare. All’intervallo ho cercato di dare un po’ di tranquillità, Addae e Ninkovic erano su di giri. La sconfitta proprio non ci sta ma potevamo fare meglio, siamo andati a sprazzi. Il portiere del Padova comunque è stato il migliore in campo, ha fatto la differenza. L’errore di Beretta? Sta soffrendo molto perché non riesce a segnare e tutto gli diventa più difficile. Tre gol incassati tutti di un colpo in casa? Non meritavamo di prenderli anche se dovevamo essere più attenti alle loro ripartenze. Ne avevamo parlato in settimana. Mi dispiace perché ogni volta che ne abbiamo la possibilità non riusciamo ad alzare la testa in maniera importante. Dopo la sosta ci aspetta il Pescara, la capolista, ma di solito quando siamo in difficoltà abbiamo sempre trovato la strada giusta”.