SVASTICA ALL’INGRESSO DELLA LEGA, ANTONINI: “PROVOCAZIONE CHE CI FA SORRIDERE”

Il candidato alle Regionali sull’episodio di vandalismo scoperto oggi: “È il risultato della ridicola consuetudine di etichettare l’avversario politico”.
Un atto di becero vandalismo è stato compiuto la notte scorsa nei confronti della Lega di Ascoli. Ignoti hanno deturpato la sede del partito di corso Mazzini con una grande svastica bianca fatta con la vernice spray.
“Un gesto provocatorio di qualche ragazzino che ci fa sorridere – spiega Andrea Antonini, candidato alle prossime Elezioni regionali -. Evidentemente il suo centro sociale era chiuso e ha provveduto a imbrattare la nostra sede in maniera vergognosa”. Oltre al fatto, Antonini sottolinea il simbolo scelto: “Ormai è ridicola consuetudine da parte di una certa parte politica associare lo schieramento avverso, e in particolare la Lega, a simboli e dottrine naziste, accusandolo di presunte derive antidemocratiche. Eppure non siamo certo noi ad etichettare gli altri o a fare ‘figli e figliastri’”.
Infine, Antonini riprende i precedenti episodi di danneggiamento compiuti sui manifesti dei candidati Anna Casini e Augusto Curti, i quali associavano certe opere a ‘derive populiste’: “Condanniamo ogni atto offensivo. Ma ricordiamo che gli imbecilli sono bipartisan – dice -. Ciò che è avvenuto alla nostra sede deve insegnare che l’inciviltà e la mancanza di rispetto non sono appannaggio di una
sola parte politica. Nei giorni scorsi ho letto di ‘barbarie’, astio e assenza di pensiero: ecco, quello che è successo la scorsa notte dovrebbe far scendere qualcuno dal pulpito”.





http://www.fotospot.it

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.