PER L’ASCOLI ALTRE DUE BATTAGLIE: CARPI E LIVORNO. TURN OVER IN VISTA

Cremonese e Foggia sono già alle spalle ma l’Ascoli è atteso subito da due nuove battaglie, anch’esse quasi decisive in ottica salvezza: sabato trasferta a Carpi nella tana di Fabrizio Castori, poi visita del Livorno al Del Duca. Obiettivo bianconero minimo quattro punti.

Intanto l’Ascoli si lecca le ferite del dopo Foggia, una sfida che è costata caro in termini d’infortuni: Beretta, Valentini e Rosseti. Così, considerato che Padella dovrà scontare l’ultimo turno di squalifica, è assai probabile che Vivarini per Carpi possa ragionare in ottica turn over. Al “Cabassi” in campo una squadra fresca con la conferma di Quaranta in difesa, il rientro di D’Elia sulla sinistra e di Troiano in cabina di regia, Cavion e Ciciretti in campo dall’inizio e Ngombo o Ganz davanti se Rosseti non dovesse farcela. Formazione cambiata, quindi, per più di metà o quasi.