“NON VOGLIO DIRTI TROPPO” E’ IL NUOVO BRANO DEL RAPPER ASCOLANO FLAVIUS

“Non voglio dirti troppo’’, il rapper Flavius racconta emozioni e attese degli artisti

Il brano in collaborazione  con il milanese Mobba e il  rapper sambenedettese Sick Shera

Dopo il successo del singolo ‘’Balla’’, travolgente hit estiva a ritmo raggeton, si apre un nuovo capitolo musicale del rapper ascolano Flavius con il brano “Non voglio dirti troppo’’. Stavolta, in questo viaggio musicale, il rapper piceno è accompagnato da due colleghi musicisti: il vocalist milanese Mobba e il  rapper sambenedettese Sick Shera.

Nel brano gli interpreti raccontano paure e aspettative che un artista quotidianamente vive nel proprio percorso di crescita e creatività. Ecco allora che note, ritmi e sonorità colorano emozioni e sensazioni, “montagne russe” che alternano attimi di felicità a momenti di solitudine. Solo la musica, alla fine, è capace di dare conforto e ripristinare lo status emotivo. I ragazzi sanno bene l’importanza del talento descritto come fragile e prezioso e la profondità del testo si fonda nel complesso musicale prodotto da Simone Marcucci, in arte “Fin”.

In pochissimi giorni la hit ha totalizzato oltre 10.000 ascolti sulle piattaforme streaming a dimostrazione che il pubblico apprezza gli artisti emergenti che sanno mettersi in gioco e trasmettere emozioni in musica. Da evidenziare che il pezzo è nato durante il periodo del lookdown in piena emergenza Covid ed è stato realizzato in “smart working”, grazie all’apporto di Alex Bartok con un lavoro di Mix e mastering di ottimo livello. Partecipe al brano anche Alex Accorsi con i suoi accordi di chitarra che mettono in risalto il mood emotivo della produzione.





http://www.fotospot.it

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.