LA PAROLA AL DOTTORE, L’ICTUS (LE NOSTRE RUBRICHE – MEDICINA)

E’ l’improvviso danno cerebrale proprio dell’anziano e, insieme all’infarto cardiaco, la più temibile conseguenza del danno sclerotico delle arterie. E’ il ‘colpo apoplettico’ di comune memoria (si diceva: “Gli ha preso un colpo”). L’arteria cerebrale danneggiata può occludersi per un coagulo (infarto cerebrale, 85% dei casi) o per rottura della parete ed emorragia (15%). In entrambi i casi le cellule cerebrali servite da quell’arteria entrano in sofferenza e poi muoiono. Ci sono forme lievi, gravi e gravissime, in conseguenza dell’estensione, ma soprattutto della zona cerebrale colpita. In un terzo dei casi ci può essere la guarigione (tipica nei TIA – Attacco Ischemico Transitorio – con sintomi che scompaiono spontaneamente). In un altro terzo residua disabilità, più o meno grave. Nei casi peggiori ci può essere la morte immediata o nel corso di pochi giorni.

   Può accadere però che una grossa arteria che nutre il cervello, come la carotide, si chiuda completamente senza che dia sintomi. Questo perché i quattro grandi vasi che salgono al cervello attraverso il collo sono collegati tra loro e il deficit (lento) di uno venga compensato dagli altri. La grande varietà della sintomatologia (dalla morte immediata fino al minuscolo deficit visivo) è dovuta proprio alla gamma sterminata di situazioni possibili: per grandezza del coagulo occludente, per il compenso vascolare attuato, per la lenta attenuazione della sintomatologia, grazie alla capacità ‘plastica’ del tessuto nervoso (le cellule nervose sono capaci di ristabilire i contatti persi, dopo la morte di alcune di esse).

   I sintomi dipendono dalla funzione delle cellule cerebrali messe fuori uso e sono più gravi nell’immediata comparsa, mentre con il tempo tendono a ridursi. La sintomatologia più evidente è quella della paralisi di un distretto muscolare, più o meno vasto, o l’incapacità di parlare (afasia), di solito associata a paralisi della metà destra del corpo (emiplegia), o un improvviso deficit visivo. A volte un improvviso cambiamento del carattere o dell’umore può avere questa origine.

   Quanto alle possibilità di cura, oltre i soliti discorsi sulla prevenzione del danno sclerotico arterioso, bisogna tenere presente una cosa fondamentale: nel sospetto di ictus per improvviso deficit motorio o sensitivo, non perdere tempo e chiamare subito il 118 per il trasporto in ospedale. Infatti la trombolisi (cioè lo scioglimento del coagulo che ha chiuso un’arteria cerebrale) può riuscire soltanto nelle prime ore dall’evento e richiede l’esecuzione della TAC per essere certi che non si tratti di emorragia.

Il Dottor Karol (Carlo CAPPELLI)





http://www.fotospot.it

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.