LA PAROLA AL DOTTORE, CARLO CAPPELLI: “GIOVANI E ANZIANI, CORONAVIRUS A DOMICILIO”

Siamo in ripresa, ma non quella economica che speravamo, dopo la batosta del lockdown. Il coronavirus non ci ha lasciato mai e ora ricomincia a premere sul nostro sistema sanitario. L’unica speranza è la difesa personale: la mascherina e il distanziamento. Le immagini dei mezzi di trasporto urbani nelle ore di punta, tutti con la mascherina ma ammassati in piedi, le facce a un palmo l’una dall’altra, lascia perplessi. Siamo diventati per forza prudenti e saggi, ma non tutti. Soprattutto i giovani, quelli no. Per questo sono convinto che la battaglia si vince dentro casa, lì dove si incontrano senza difese i giovani, che sono tutti potenziali contagiati asintomatici o quasi, con gli anziani, candidati alla terapia intensiva, o peggio. Chiedere ai giovani di essere responsabili non serve: loro devono vivere, dicono, e non possono perdere un anno di cazzeggiamenti vari, discoteche e assembramenti. Li capisco, ma non li approvo: li hanno resi maggiorenni a diciotto anni, che dimostrino di meritarselo.

Dunque, come comportarsi dentro casa? Occorre cautelarsi con attenzione, almeno durante le ore in cui i giovani sono in circolazione domestica. La mascherina anche dentro casa? Sì, dico io, e mi sembra il minimo. Meglio ancora per gli anziani mettersi in un angolo appartato a leggere o vedere la TV. Se possibile, fino al cessato allarme, quando i giovani escono. E comunque mascherina, mascherina, mascherina! E’ stato raccomandato di lavarsi le mani, di non toccarsi naso e occhi, ed è giusto, ma la protezione della bocca e del naso è fondamentale. Non mi si venga a dire che sia pericoloso passare, anche con la mascherina, dove ha respirato un contagiato; o che basti toccare qualcosa dove qualcuno ha lasciato dei virus. Per infettarsi occorre una carica virale intensa e questa si realizza soltanto stando faccia a faccia con un contagiato senza protezione, e non per un istante, ma per interi minuti.

E i pasti in comune dentro casa? Questo è un problema. La mascherina non si può usare a tavola. Non c’è altro da fare che due turni. Gli anziani, o comunque gli ultracinquantenni, non dovrebbero stare a tavola insieme ai giovani. E’ fastidioso e crudele rinunciare all’unico momento di comunione domestica, ma per adesso è necessario. Solo così si vince.

dottor Karol  (Carlo CAPPELLI)

 





http://www.fotospot.it

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.