GRAVILLON: “DA CRUZ ERA UN AMICO PRIMA ED E’ UN AMICO ORA”

Andreaw Gravillon dopo la sosta salterà per squalifica la sfida al Cosenza di mister Braglia. Il difensore però ha le idee ben chiare, l’Ascoli avrà un solo risultato a disposizione. “In queste due settimane  c’è tempo per preparare bene la gara con il Cosenza che reputo fondamentale -ha sottolineato Gravillon- siamo ancora a inizio campionato, la nostra non è una brutta posizione, la classifica è corta e basta una vittoria per tornare in alto. Dobbiamo rimetterci subito in carreggiata, stiamo lavorando per questo. Non parlerei di calo di rendimento, noi andiamo in campo sempre con la voglia giusta, poi ci sono da considerare i nostri errori e l’avversario. Finora sono contento delle mie prestazioni, fino alla partita di Crotone ho cercato di non incappare nella quinta ammonizione, allo Scida è stata inevitabile. Mi dispiace saltare il Cosenza ma sono certo che chiunque scenderà in campo al mio posto, Valentini o Ferigra, farà bene”.

Gravillon si è infine soffermato sugli episodi che hanno visti protagonisti lui stesso con Da Cruz e poi Ninkovic: “Non hanno avuto peso sul gruppo. Personalmente ho avuto un problema con Da Cruz, ma era mio amico prima ed è mio amico ora: c’è stata una reazione a caldo ma è finita lì. Ninkovic ha sbagliato e ha chiesto scusa a tutta la squadra. La società ha preso i provvedimenti giusti”.