GIRO D’ITALIA, ACQUAROLI: “UNA INIEZIONE DI FIDUCIA PER IL TERRITORIO, DOPO SISMA E PANDEMIA”

ACQUAROLI: “LA TAPPA DEL GIRO D’ITALIA RESTITUISCE ENERGIA ED ENTUSIASMO AL TERRITORIO CHE HA SOFFERTO SISMA E PANDEMIA”.

Il presidente della Regione Marche ha partecipato alla partenza a Genga e all’arrivo a San Giacomo della tappa del Giro d’Italia e successivamente ha presentato il libro “Marche – Terre di grande ciclismo” di Beppe Conti.

Al termine della tappa del Giro d’Italia il presidente della Regione Marche Francesco Acquaroli, gli assessori Giorgia Latini e Guido Castelli e il sindaco di Ascoli Marco Fioravanti hanno presentato ad Ascoli, presso il Chiostro di San Francesco, il libro “Marche – Terre di grande ciclismo”, del noto giornalista e scrittore Beppe Conti. A moderare l’incontro Giancarlo Laurenzi direttore del Corriere Adriatico.

“Il libro – ha sottolineato Acquaroli – ricorda la storia del ciclismo nelle Marche, uno sport favoloso che ci fa vivere emozioni come quelle provate nella tappa che è arrivata a San Giacomo in un momento così importante come quello che abbiamo vissuto tutti quanti noi. L’evento di oggi restituisce energia ed entusiasmo a un territorio che ha sofferto prima con il sisma e poi con la pandemia riportandoci alla normalità. Con la tappa del Giro d’Italia abbiamo voluto mostrare il nostro straordinario territorio composto da un magnifico paesaggio fatto di beni naturali e architettonici. Abbiamo realizzato una vetrina e un bigliettino da visita delle Marche attraverso la promozione delle sue bellezze”.

“La tappa di oggi – ha ricordato Castelli – non solo ha fatto riaccendere i riflettori dopo il grande dramma vissuto nel sisma del 2016, ma ha anche solennizzato il cinquantesimo della scoperta delle Grotte di Frasassi. Attraverso il turismo e il ciclismo è possibile creare un asset assolutamente invidiabile e con pochi paragoni in Italia”.

“Siamo pronti alla ripartenza e alla rinascita – ha rimarcato Giorgia Latini – e oggi attraverso una manifestazione sportiva abbiamo sottolineato il nostro grandissimo patrimonio paesaggistico e culturale. Lo sport è uno strumento che fa vivere le bellezze del nostro territorio come ha rimarcato Beppe Conti nel suo libro di e mi fa piacere vedere a questa presentazione i ciclisti che hanno fatto la storia di questo magnifico sport.

In platea, infatti, erano presenti le vecchie glorie del ciclismo quali Francesco Moser, Andrea Tonti, Giancarlo Polidori, Enrico Paolini e Rodolfo Massi.

“Il libro – ha detto Conti – ripercorre tra aneddoti curiosi e tanta passione i momenti significativi dello sport della bicicletta fra il mare e i monti, le città d’arte e gli itinerari che sembrano disegnati apposta per pedalare nella nostra regione”. (a.f.)





http://www.fotospot.it

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.