FONDAZIONE CARISAP: UNA TAC PER IL “MAZZONI” E UN’AREA PER L’OSPEDALE DA CAMPO

La Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli, in contatto con l’Azienda sanitaria marchigiana ed in particolare con i dirigenti dell’Area Vasta 5, ha messo a disposizione uno stanziamento economico di 400.000 euro per l’acquisto di apparecchiature e dispositivi utili a contrastare l’emergenza coronavirus. Il C.d.A della Fondazione ha deliberato l’acquisto di una Tac per l’ospedale Mazzoni di Ascoli e di 30.000 mascherine chirurgiche per il “Madonna del Soccorso” di San Benedetto, uno dei presidi ospedalieri individuati dalla Regione Marche come struttura idonea all’accoglienza dei malati Covid -19. Ulteriori 10.000 mascherine chirurgiche saranno donate alle Organizzazioni del Terzo Settore per il tramite di Bottega del Terzo Settore che provvederà a dare informativa delle modalità di distribuzione deli dispositivi tramite i propri canali di comunicazione.

Il presidente Angelo Davide Galeati ha inoltre confermato che la Fondazione metterà gratuitamente a disposizione l’area di proprietà ubicata nei pressi dello svincolo dell’Autostrada A 14, nel Comune di Grottammare, destinata in un primo momento alla realizzazione di un’opera architettonica. Tale area potrebbe infatti risultare idonea alla realizzazione di un ospedale da campo per il potenziamento delle terapie intensive nell’area Marche Sud.

La Fondazione, al di là dei mezzi economici, sta impiegando i propri mezzi e le proprie risorse organizzative e gestionali al fine di gestire direttamente il rapporto, ogni giorno più complesso a causa dell’emergenza, con i fornitori dei beni che risultano in questo momento tanto necessari al personale medico sanitario quanto difficilmente reperibili. Tale attività, costante, è resa possibile dall’attivazione della modalità del lavoro agile per il personale dipendente, che sta continuando ad assicurare piena operatività in smart working.