DIOCESI DI ASCOLI: 33 MILIONI PER IL RESTAURO Di 98 CHIESE

L’Annunziata, Immacolata Concezione, Madonna del Ponte, Sacro Cuore, San Giacomo Apostolo, Santa Maria Intervineas. Ma ci sono anche Santa Margherita (Morignano), San Lorenzo (Castel Trosino), San Michele Arcangelo (Lisciano) e altre ancora. Sono queste le chiese ascolane che rientrano nel piano di recupero dei luoghi di culto danneggiati dal sisma e approvato dal Commissario Straordinario per la Ricostruzione Paola De Micheli per un investimento di oltre 33 milioni di euro. In tutto sono 98 le chiese interessate di proprietà della diocesi di Ascoli: 14 Acquasanta, 1 Appignano, 11 Arquata, 16 Ascoli, 1 Carassai, 1 Castel di Lama, 2 Castignano, 1 Castorano, 1 Colli, 5 Comunanza, 1 Cossignano, 1 Folignano, 2 Force, 1 Maltignano, 2 Montalto, 2 Montedinove, 8 Montegallo, 2 Montemonaco, 2 Offida, 1 Palmiano, 1 Ripatransone, 11 Roccafluvione, 2 Rotella, 9 Venarotta.