CNA ASCOLI, ALLARME DESERTIFICAZIONE DELLE “BOTTEGHE”

La sfida delle piccole e micro imprese. La Cna di Ascoli analizza i dati per i prossimi anni e lancia l’allarme su una possibile desertificazione delle botteghe se non si interverrà concretamente sul ricambio generazionale e sull’indirizzo da dare a chi vuole intraprendere una nuova attività. A oggi nel Piceno, subentra un giovane ogni 2,7 “vecchi” che lasciano.

La Cna Picena per il futuro delle imprese del territorio. Indagine a tappeto e dati, aggiornati a giugno 2020, che segnano una strada ancora per molti versi tutta da percorrere. Dato base: nel Piceno il 95,2 per cento delle attività artigiane e commerciali conta meno di 5 dipendenti. Dal 2010 al 2020 per ogni cento artigiani o commercianti (titolari di impresa o dipendenti) che hanno lasciato l’attività lavorativa per andare in pensione solo 37 sono stati rimpiazzati da nuove forze lavoro. Ovvero, a oggi nel Piceno, subentra un giovane ogni 2,7 “vecchi” che lasciano.

E non è tutto. Nel 2019, quindi prima della crisi Covid, rileva l’analisi della Cna di Ascoli e del Centro studi della Cna regionale delle Marche, soltanto il 41,1 per cento delle imprese nate cinque anni prima risultava ancora in attività. Si tratta di un valore basso e che si è ridotto in modo rilevante nell’ultimo decennio. Nel 2008 infatti il tasso di sopravvivenza a cinque anni delle imprese si attestava al 52,2 per cento. Oltre un’impresa su due dopo cinque anni era ancora viva. “Dare un indirizzo concreto a chi vuole avviare un’attività o proseguirne una già attiva con il ricambio generazionale – spiega Francesco Balloni, direttore della Cna Picena – è un impegno duro e gravoso. Per tutto il sistema. Questo percorso virtuoso di indirizzo, infatti, determinerà il futuro dell’impresa e, di conseguenza, dell’occupazione e del Pil del territorio”.

L’analisi Cna inoltre rileva che la fase più critica per le nuove imprese è nel primo anno di vita. Poco più del 50% risulta attiva dopo dodici mesi, un tasso di sopravvivenza molto basso e in drastico peggioramento. Nel 2008 il tasso di sopravvivenza delle imprese a un anno era superiore al 65%. “Questo complesso di dati – aggiunge Luigi Passaretti, presidente della Cna di Ascoli Piceno – fa capire che servirà molta formazione per proseguire nel raggiungimento di obiettivi sempre più complessi e nello stesso tempo che permettano di stare al passo con i mutamenti di produzione e di mercato sempre più repentini e spesso non prevedibili. La disoccupazione, frutto soprattutto delle delocalizzazioni industriali nel Piceno, ha creato molte società o neo imprese. Ma la dinamica che è cambiata e l’improvvisazione non può essere perseguita perché abbiamo visto che non paga. Pertanto resta e vale la logica, che solo a fronte di un progetto, di una mission e di una visione chiara ci sono le condizioni per poter avviare un’azienda e fare investimenti”.

E di questo – rilevano sempre i dati elaborati dalla Cna di Ascoli – il Piceno ha bisogno più che mai. Sia per i traumi ancora aperti del terremoto sia per questa fase incerta e caotica determinata dalla pandemia. Di fatto c’è che nel Piceno, a giugno 2020, il 62,5 per cento dei titolari d’impresa sono considerati imprenditori maturi, ovvero con un’età superiore a 50 anni. Di questi ben il 23,3 per cento sono over 65 anni, quindi alle soglie della pensione. Per contro solo l’8,5 per cento degli imprenditori ha meno di 34 anni.

“L’apprendistato – conclude il presidente Passaretti – deve finalmente essere a misura delle nostre piccole e micro imprese. Formazione e possibilità per un giovane di imparare un mestiere che gli dia lavoro, sia come dipendente che come imprenditore. Lavoro in un’impresa artigiana o commerciale del territorio che per sua natura non delocalizzerà mai a differenza di altre filiere produttive più grandi”.





http://www.fotospot.it

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.