ASCOLI-BENEVENTO, SOTTIL: “USCIRE COSI’ FA MALE, SCONFITTA DIFFICILE DA ACCETTARE”

Andrea Sottil nel dopo partita è molto amareggiato: “Sarà una brutta nottata. Sono molto dispiaciuto, se c’era una squadra che doveva passare il turno era l’Ascoli, il Benevento è andato in vantaggio nell’unica volta in cui si è affacciato nella nostra metà campo. Ha fatto ben poco, il nostro primo tempo è stato straordinario e abbiamo dominato in lungo e in largo.  Nella ripresa poi la gara ha preso una certa piega con tante interruzioni e perdite di tempo. Noi siamo usciti ed entrati dalla partita, a livello emotivo non era facile con il tempo che passava.  Uscire dai playoff così fa male, molto male, dispiace per i tifosi, i ragazzi e per la società. Mi dispiace per questa gente, per il patron. E’ una sconfitta difficile da accettare. Avrei voluto regalare a tutti la semifinale, non riesco a capacitarmi. La nostra gente ha risposto presente anche stasera ed ha partecipato in massa, l’applauso finale fa piacere anche se sono il tipo che dei complimenti se ne fa poco. Il mio futuro? Ho un altro anno di contratto, sto molto bene qui, se non mi cacciano… Il progetto è di rialzare la testa subito e ripartire da questa serata, ci sono tutte le componenti per continuare a fare una stagione da protagonisti, partendo dai punti fermi. Sarà difficile perchè al prossimo torneo parteciperanno tante squadra blasonate che saliranno dalla C o retrocederanno dalla A. Stasera devo solo ringraziare questi ragazzi, non abbiamo rimpianti, usciamo a testa alta. Su questa sconfitta i cambi non c’entrano. Maistro era ormai fuori gara, non riuscivamo più a servirlo e Ricci è uno specialista dei calci piazzati: ha sbagliato tecnicamente ma non mi soffermerei su questo”.