VIVARINI: “IL CROTONE SI GIOCA LA VITA, DOVREMO DARE IL MEGLIO”

Vincenzo Vivarini ha tenuto la consueta stampa pre gara con un giorno di anticipo visto che l’Ascoli partirà domani alla volta di Crotone.

Vivarini, l’Ascoli non ha mai perso tre gare di fila in questo campionato….

“E infatti andremo a Crotone per fare una partita importante. La squadra ci tiene tantissimo perché ci siamo meritati di chiudere bene questo campionato. Annoveravo i calabresi fra i favoriti per la A e questo la dice lunga sulle difficoltà di questo campionato”.

L’Ascoli è già salvo, il Crotone no. Quanto conteranno le motivazioni?

“In questo periodo molto. Ho tanti uomini acciaccati e magari manderò in campo qualcuno che ha giocato meno per dare freschezza ma anche perché avrà voglia di mettere in mostra il suo valore. Vorrei vedere anche all’ultima giornata confermate le nostre qualità e una formazione con lo spirito giusto. Il Crotone si gioca la vita e dovremo dare il meglio”.

Spazio a Quaranta e Iniguez?

“Sì. A Quaranta ci tengo tantissimo, quando è stato chiamato in causa ha fatto molto bene. Mi è dispiaciuto utilizzarlo poco e da lui mi aspetto una grande prova. Lo stesso vale per Iniguez”.

Chajia?

“Ha grandi qualità fisiche e tecniche. Deve crescere ma ci ha già fatto vedere qualcosa di buono”.

Ninkovic?

“Ha fatto bene ma al 40-50% delle sue potenzialità, qualche volta si è fatto male da solo. Ad Ascoli è ben voluto  e restare potrebbe essere una soluzione importante per lui”.

Un primo bilancio della stagione?

“Buono, tutti i giocatori si sono rivalutati: quelli che venivano da delusioni com Ardemagni e D’Elia, il retrocesso Troiano, quelli come Frattesi che venivano dalla Primavera, quelli che la stagione precedente avevano giocato solo sei partite come Valentini, lo stesso Lanni. Sono solo alcuni esempi”.

E il bilancio di Vivarini?

“Ho lavorato tanto per cambiare la mentalità del gruppo e non è stato facile ma da parte mia potevo fare molto meglio a livello individuale e personale”.

Il futuro dell’Ascoli?

“Ne inizieremo a parlare dopo Crotone. Dipende dai programmi della società”.