VIGILI DEL FUOCO: SANTA BARBARA 2014

Saluto del Comandante Provinciale dei Vigili del Fuoco Ing. Mauro Malizia

Autorità, gentili ospiti,
Rivolgo a voi tutti un caro saluto e un ringraziamento per aver accolto l’invito a partecipare a questa cerimonia in onore di Santa Barbara, Patrona dei Vigili del Fuoco d’Italia. A S.E. monsignor D’Ercole rivolgo un particolare ringraziamento per aver accolto l’invito a presiedere la celebrazione eucaristica.
Questa ricorrenza è molto sentita da tutti noi Vigili del Fuoco, e rappresenta, per tradizione, anche l’occasione per sviluppare un’analisi sull’attività svolta nell’anno che sta per concludersi.
Nonostante le difficoltà legate a carenze di organico e di risorse economiche, sempre minori, i risultati sono stati in linea con gli anni precedenti, sia nel campo del soccorso pubblico, sia della prevenzione incendi.

IL SOCCORSO PUBBLICO
Nell’ambito del soccorso pubblico sono stati effettuati circa 5000 interventi, comprendenti incendi, dissesti statici, soccorso a persone, incidenti stradali, frane, alluvioni, interventi NBCR. Pur se l’opera tecnica di soccorso negli incendi è quella più conosciuta da parte dei cittadini, l’esame dei dati statistici evidenzia come l’attività connessa con il fuoco rappresenta solo una parte del totale (circa il 25 % quest’anno, in linea con i dati nazionali). Infatti, l’intervento dei Vigili del fuoco è di soccorso pubblico nel senso più generale del termine, rivolto a salvaguardare l’incolumità dei cittadini dai più svariati pericoli e da ogni pubblica calamità,come stabilito dalle disposizioni normative (D.Lgs n. 139/2006). Il territorio di competenza del Comando, che, come noto, comprende le due province di Ascoli Piceno e di Fermo, è caratterizzato dalla presenza di numerose tipologie di rischio. Abbiamo il rischio sismico, il rischio idrogeologico, il rischio incendi boschivi, il rischio industriale. Ricordiamo a tal proposito che sono presenti 8 attività a rischio di incidente rilevante soggette alla Direttiva Seveso (6 nella provincia di Ascoli e 2 in quella di Fermo).
I Vigili del Fuoco sono i primi ad arrivare sui luoghi colpiti da calamità confermandosi essenziali e insostituibili nell’attività di soccorso, ricevendo stima e ammirazione da parte di tutti i cittadini. Tra i numerosi interventi compiuti nel corso dell’anno si citano, tra tutti, le complesse operazioni effettuate a seguito del tragico incidente aereo avvenuto il 19 agosto che ha coinvolto i due Tornado dell’Aeronautica Militare, con un notevole impiego di mezzi e personale in zona operativa, durato per diversi giorni.
Si ricorda inoltre che il personale del Comando di Ascoli Piceno, in occasione di calamità, fornisce la propria opera anche fuori dal territorio di competenza. Personale e mezzi del Comando sono stati impegnati nelle emergenze idrogeologiche che hanno colpito le zone di Senigallia nel mese di maggio e Genova nel mese di novembre.
A testimonianza della solidarietà e dello spirito di sacrificio che caratterizzano l’opera di ogni Vigile del Fuoco, desidero inoltre ricordare l’intervento, avvenuto nel mese di luglio presso il litorale di San Benedetto del Tronto, ad opera di due Vigili del Fuoco liberi dal servizio,i quali non esitavano ad intervenire nell’azione di salvataggio di due persone in difficoltà. Oltre l’attività di soccorso, ferma restando l’importanza primaria che riveste, è doveroso evidenziare che l’opera del Comando si estende ben oltre il soccorso tecnico urgente, grazie al quotidiano lavoro di tutto il personale operativo, tecnico e amministrativo.

LA PREVENZIONE INCENDI
L’altro fondamentale servizio che i Vigili del Fuoco offrono alla collettività è rappresentato dalla Prevenzione incendi, funzione di interesse pubblico che consegue obiettivi di sicurezza della vita umana, incolumità delle persone e tutela dei beni e dell’ambiente. In tale ambito nel corso dell’anno sono stati evasi complessivamente circa 1300 procedimenti, tra cui circa 250 esami progetto,e circa 600 visite tecniche e sopralluoghi per il controllo delle condizioni di sicurezza nelle attività soggette ai controlli VVF e nei luoghi di lavoro.
Sono stati effettuati inoltre 200 servizi di vigilanza antincendionei locali di pubblico spettacolo, 20 corsi di formazione del personale addetto antincendi nei luoghi di lavoro e relative attestazioni di idoneità. Gli standard assicurati dal Comando nell’ambito dei “controlli di prevenzione incendi” sono largamente superiori a quelli richiesti dalle disposizioni ministeriali. In tal senso, i risultati positivi dell’attività svolta negli ultimi anni sono testimoniati dall’alto numero di strutture adeguate alle norme di sicurezza, esistenti sul territorio di competenza del Comando.
Infatti si può affermare che ad oggi, nel territorio delle province di Ascoli Piceno e di Fermo, la percentuale di attività in regola con la normativa antincendio è notevolmente superiore alla media nazionale, con particolare riferimento agli istituti scolastici e alle strutture sanitarie.
L’attuale periodo di ristrettezze economiche e di tagli, che interessa l’intera Nazione, comporta la necessità di ridurre le spese in tutti i settori. Lo sforzo da compiere è di rispondere a queste difficoltà mantenendo adeguati standard, sempre nell’ambito di un confronto costruttivo con i lavoratori e le Organizzazioni sindacali, alle quali va il mio saluto.

Prima di concludere desidero rivolgere un pensiero ai Vigili del Fuoco caduti nell’adempimento del servizio per salvare la vita di altri cittadini. Ringrazio il personale in congedo per la loro partecipazione, e l’Associazione Nazionale dei VVF, che con il suo impegno costante contribuisce a promuovere la nostra attività.
Un particolare ringraziamento va ai funzionari tecnici impegnati in molteplici e complesse attività, e al personale amministrativo per l’importante lavoro che consente, ogni giorno, di fornire il necessario supporto a tutta l’attività del Comando.
Infine al personale operativo rivolgo i miei sentimenti di ammirazione e riconoscenza per la risposta sempre pronta a portare soccorso ovunque occorra, al fianco dei cittadini che hanno bisogno d’aiuto, con coraggio e solidarietà.

About Emidio Vena

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.