TOSTI: “ASCOLI DISCRETO MA DA AFFINARE”. TESORO: “PADOIN GRANDE ORGOGLIO”

A presentare Simone Padoin sono stati il presidente Tosti ed il diesse Tesoro.
“Questa è una presentazione inutile –ha esordito Tosti- tanto Padoin è conosciuto. Diciamo che è arrivato in ritardo, già anni addietro lo avevamo cercato all’Atalanta, poi la concorrenza di una certa Juve… Con noi ha adesso firmato per due anni ma è il classico giocatore che può arrivare a quaranta. L’Ascoli? Non c’è foga di vincere a tutti i costi ma la società è contenta per lo stato d’animo che si è creato nell’ambiente. La squadra è discreta anche se ancora da affinare. Il reclamo di Da Cruz? Direi che ci sono il 60% delle probabilità che venga accolto”.
Tesoro è più cauto: “io mi limiterei al 40% -ha ribattuto il diesse- l’esito del ricorso lo sapremo comunque domani alle 15. Per quanto riguarda Padoin è un grande orgoglio che Simone abbia condiviso il nostro progetto. Può dare tanto in campo in quanto integro ed esperto, ma anche fuori aiutando la nostra società a crescere. Ha accettato con grande entusiasmo di venire da noi e questo va a suo merito”