RUBIN: “TORNEO EQUILIBRATO, DOVREMO AVERE PIU’ FAME DEGLI AVVERSARI”

Le prime parole di Matteo Rubin in maglia bianconera, ha scelto la numero 3, sono convinte: “Il mio trasferimento all’Ascoli si è concretizzato subito, senza difficoltà. Così come l’impatto col gruppo di cui conoscevo già Beretta, Casarini e Troiano. Fra i più giovani in questi primi giorni di allenamento mi hanno impressionato Frattesi, Milinkovic e Cavion. Secondo me le qualità non mancano e ci sono i presupposti per disputare un campionato importante ma il primo obiettivo resta una salvezza tranquilla. Quest’anno il campioanto è equilibrato, non c’è una squadra ammazza campionato, si può vincere o perdere con tutti, perciò bisogna sempre avere più “fame” di risultato del tuo avversario”. Rubin ha scelto la maglia numero 3: “Finora ho avuto il 33 o 23, ma il 3 c’è sempre stato, speriamo porti bene. Ho sofferto molto negli ultimi anni per fattori personali, ho voglia di mettermi in mostra e dimostrare il mio valore. I tifosi? Sono stato al Del Duca col Torino e col Modena, ricordo tante partite combattute. Ho sentito ex  bianconeri come Belingheri, Taibi, Zanetti e Chiricò e tutti mi hanno detto che i tifosi sono importanti e seguono molto la squadra. Bene così”.