PIPPO INZAGHI: “FIORIN MI HA INSEGNATO TANTO”

Filippo Inzaghi ha parlato prima della partenza in treno del Venezia per Ascoli avvenuta nel primo pomeriggio odierno. Ecco quanto riportato da Triveneto Goal: “Affrontiamo l’Ascoli in quello che secondo me è reciprocamente il nostro miglior momento. Stanno bene loro e stiamo bene anche noi, poi l’Ascoli in casa ha una curva da Serie A e questo rappresenterà un motivo in più da mettere sul piatto della bilancia. La trasferta l’abbiamo affrontata in treno perché era la soluzione logisticamente più comoda e ringrazio la società per questo, perché siamo partiti un giorno prima proprio perché in pullman il viaggio sarebbe stato troppo lungo da fare alla vigilia della partita. Geijo sta molto meglio, teoricamente può giocare anche dal primo minuto, ma questa è una scelta che farò prima della partita, perché è stato fermo tanto. Bruscagin esterno? No, lo considero solo un centrale difensivo, l’alternativa naturale a Zampano la considero Fabris, che secondo me in quel ruolo dà il meglio di sé. Falzerano potrebbe all’occorrenza anche fare l’esterno nel 3-5-2, ma la vedo come soluzione d’emergenza. Signori sta bene, è arrivato l’ultimo giorno e ha dovuto fare una preparazione specifica per mettersi alla pari dei compagni. In questo momento sto facendo altre scelte nell’interesse della squadra, ma Francesco sarà un giocatore alla lunga importantissimo per noi e lui lo sa. Ha lo spirito giusto come Marsura, che ha sfruttato al meglio l’occasione con il Carpi e come Stulac, che ad Avellino ha sostituito egregiamente Bentivoglio”. Su Fiorin Inzaghi aggiunge: “Mi fa molto piacere ritrovare Fulvio, che mi ha insegnato tanto e che è stato un mio grande insegnante di calcio e che ho avuto come secondo negli Allievi e nella Primavera e come collaboratore della prima squadra al Milan”