GIGLIOTTI: “SONO CERTO, CI SALVEREMO ANCORA”

Per Guillaume Gigliotti quella in corso si sta rivelando, a livello personale, una stagione positiva. Il difensore gioca con buona regolarità e ha anche allungato il suo contratto con l’Ascoli fino al 2020. “Sono contento della fiducia della società e del prolungamento di altre due anni. Se ho deciso di farlo -spiega Gigliotti- è perché credo molto nella salvezza, nei dirigenti e nei compagni. Mi ritengo pure fortunato delle condizioni in cui mi trovo a lavorare. Sento i colleghi delle altre squadre: a chi manca il campo, a chi la palestra, a qualcuno addirittura lo stipendio…. In questo campionato poi sono stato quasi sempre titolare -sottolinea il bianconero- e questa è una soddisfazione per me. La chiave di tutto è lavorare per trovare continuità e disputare un grande girone di ritorno. Nonostante i quattro risultati utili dall’arrivo di Cosmi la classifica non è cambiata di molto per noi, però siamo in crescita, sulla strada giusta. Speriamo di continuare così. In più abbiamo dei rinforzi. Martinho e Ganz sono bravi ragazzi, che ci daranno una mano a raggiungere l’obiettivo salvezza. Penso che ci serviranno altri 28 punti, quasi un cammino play off. I 20 che abbiamo conquistato finora sono comunque pochi rispetto a quelli che avremmo meritato. Vedo però che la squadra migliora, anche in allenamento, perciò sono fiducioso. Mai smesso di credere nella salvezza, sono certo: ci ripeteremo ancora”. Gigliotti vede anche una migliore condizione fisica da parte di tutti: “Gli allenamenti con Cosmi e il suo staff sono più duri e lunghi, all’inizio è stato difficile seguire i nuovi ritmi. Ora ci sentiamo molto meglio, corriamo di più. Anche questa settimana abbiamo lavorato in maniera pesante ma siamo solo all’inizio del percorso. Con Cosmi stiamo attuando un altro tipo di calcio, lui è un tecnico che vuole altre cose: sempre tutti in movimento sul campo e due o tre tocchi al massimo. Il 3-5-2? In tanti giocano così in B ma noi non vogliamo difenderci. Ora abbiamo altre sicurezze e altri modi di attaccare”. Per la difesa, invece, c’è un Addae in più. “Anche da prima punta Bright farebbe bene -scherza Gigliotti- e adesso con lui dietro c’è più concorrenza. Dovrebbe arrivare anche un altro difensore ma essere costretti a lottare per trovare posto è sempre un bene”. Alla ripresa del campionato al Del Duca arriverà quel Cittadella che è secondo per punti conquistati in trasferta dopo il Palermo ma Gigliotti ha le idee chiare: “Sarà la prima partita dell’anno. La vogliamo vincere, la dobbiamo vincere, anche per riscattare la sconfitta dell’andata. Col Cittadella non possiamo sbagliare e abbiamo già iniziato a studiarlo. Con un mio gol? Magari. Non ho mai concluso una stagione senza segnare e spero di andare presto a bersaglio. Per me e per la squadra”.