DISOCCUPATI PICENI: “LE ASPETTATIVE DI SVILUPPO NON SONO CONFORTANTI”

Un anno fa, il presidente dell’Assemblea Regionale, convocava la seduta consiliare. Ad aprire i lavori la discussione generale sulla situazione occupazionale delle Marche e sulle relative prospettive di sviluppo. Le aspettative di sviluppo per il Piceno, non sono molto confortanti.
Un anno fa, presso la Sala consiliare di via Tiziano, Ancona, il Consiglio Regionale, apriva i lavori, con la discussione generale sulla situazione occupazionale delle Marche e sulle relative prospettive di sviluppo.
In quell’occasione, fu aperto, anche un focus sulla difficile situazione economica lavorativa del Piceno. Purtroppo le molteplici aspettative riposte, sull’arrivo di nuove grandi imprese, incentivate anche con i finanziamenti dell’area di crisi complessa industriale, non sono molto confortante. Al di là, di qualche centinaia, di nuovi posti di lavoro, le cifre sono ben lontane e non possono garantire un’occupazione, a tutti i circa 30.000 disoccupati del nostro territorio. E’ senz’altro chiaro, che senza un concreto piano di sviluppo economico industriale, finanziato con molte più risorse, l’economia non ripartirà. Chiediamo da qualche tempo l’intervento del Ministero dello Sviluppo economico.
Non servono i dati Istat, per capire e vedere, le nostre zone industriali, “ridotte come cimiteri di capannoni deserti”. Purtroppo la nostra provincia, a differenza di altre, continua a rimanere esclusa, dai forti investimenti statali. Abbiamo, l’impressione, che i grandi finanziamenti pubblici, arrivano al Sud e Nord Italia, mentre il Centro pure avendo eletto numerosi parlamentari di maggioranza, continua ad essere escluso. Le ultime notizie, di questi giorni, sembrano confermare i nostri dubbi. A Pomigliano d’Arco, in provincia di Napoli, ad esempio, sorgerà il nuovo AeroTech Campus della Compagnia Leonardo, “l’hub” per l’innovazione tecnologica della divisione aero-strutture del gruppo industriale partecipato a maggioranza dal ministero dell’Economia, con centinaia di milioni d’investimento. L’altro ieri, il premier Conte, a Valeggio sul Mincio, Verona, ha inaugurato lo stabilimento di Fincantieri Infrastrutture, per la ricostruzione del “ponte di Genova”, affermando “Lavoro e dignità devono essere coniugati, il 2019 è l’anno degli investimenti, noi siamo qui per far ripartire il paese”.
Noi, come tanti disoccupati della nostra provincia, ci auguriamo l’apertura di qualche nuovo stabilimento, magari di Trenitalia o di altre aziende partecipate pubbliche, con l’offerta di qualche migliaia di posti di lavoro, per ridare “ossigeno a un territorio, fortemente penalizzato dalla crisi economica e terremoto”.
Invitiamo tutti, martedì 26 marzo, ore 16.00, presso la Sala Parrocchiale, viale G. Leopardi di Acquaviva Picena, dibattito aperto, per presentare proposte e nuove iniziative anticrisi.
Il gruppo “Disoccupati piceni” è sempre a disposizione per dare soluzioni. Per informazioni, chiamare o inviare un messaggio, al numero WhatsApp 334 7555 410. Chi vuole seguirci siamo anche su Facebook, basta cliccare “Disoccupati Piceni”, ed essere informati sulle prossime iniziative.

About Emidio Vena

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.