DISOCCUPATI PICENI, APPELLO A CHI E’ RIMASTO SENZA LAVORO

I disoccupati aspettano risposte concrete dai candidati del Piceno al Parlamento.

Restano meno di trenta giorni al voto, siamo in piena campagna elettorale. Queste settimane il nostro territorio è stato visitato da numerosi “big della politica nazionale”. Queste dovevano essere sicuramente un’opportunità per chiedere e capire le varie soluzioni alla crisi economica-strutturale del Piceno. Abbiamo partecipato a numerose conferenze, purtroppo non è stato mai possibile parlare e riportare la grave situazione dei cittadini che sono senza lavoro e sopravvivono con gli ultimi risparmi di una vita, o peggio sopravvivono con le pensioni dei genitori. Il Piceno è stato colpito da un terremoto devastante, detiene il triste primato di avere il cosiddetto “reddito più basso d’Italia” per i lavoratori delle aziende private e il più alto tasso di disoccupazione delle Marche, il quadro è drammatico. L’impressione rilevata, durante queste assemblee, è profondamente negativa, perché non si possono rivolgere domande e anche per l’atteggiamento e il comportamento dei cittadini presenti. Molti cittadini presenti, invece di rivolgere domande e chiedere risposte agli aspiranti politici per il nostro territorio abbandonato da troppi anni, preferiscono fare “un semplice e inutile selfie con i candidati”. Questo, inoltre ci conferma l’idea che abbiamo, la crisi, non è per tutti i cittadini. Probabilmente, la maggioranza dei presenti, a queste conferenze, ha un’occupazione stabile e sicura, perché altrimenti non si capiscono questi comportamenti. Inoltre, Come molte aziende che per anni hanno ricevuto risorse e poi delocalizzato, abbandonando il nostro territorio, ora la stessa situazione si ripete con molti big della politica nazionale, che arrivano nel Piceno solo per “prendere i voti”. Una volta eletti, spariscono e lasciano questo territorio senza rappresentanza. Sono vari mesi che chiediamo un “question Time” per richiedere l’intervento del Ministro dello Sviluppo Economico, appello non ricevuto. Oramai sono troppi anni che il Piceno è “trascurato”, dalla politica nazionale, basta guardare la nostra provincia ferma da anni e in retrocessione rispetto ad altre provincie invece cresciute. Noi elettori dobbiamo selezionare i candidati migliori e i più preparati, per rappresentare la nostra provincia in Parlamento. Come ci ha detto Maria incontrata in piazza ” quando hai un problema di salute, ti rivolgi a un laureato in medicina, per dire serve preparazione in ogni campo, come per esempio per fare oggi, l’estetista occorre frequentare almeno un corso triennale”. Per rappresentare i cittadini in Parlamento, dove si scrivono le leggi che devono regolare la nostra convivenza e il nostro futuro, sono necessari candidati preparati. Il Piceno, ha bisogno di un nuovo e forte Piano di sviluppo, servono interventi urgenti e straordinari, occorre eleggere candidati preparati, almeno laureati in Scienze o Economia Politica. La disoccupazione come dice Mirko ” è una macchia nera finora inarrestabile, che avanza”, soltanto chi ha un posto pubblico per ora si sente al sicuro. Chi ha perso il lavoro, senza reddito riduce i consumi, le piccole attività chiudono, molti giovani lasciano questo territorio. Costruire una famiglia diventa privilegio di pochi. La crisi da strutturale si trasforma in crisi sociale. Di questo parliamo, di una “crisi che dura da troppi anni, quasi 17 anni”.

Mentre, restiamo, in attesa della calendarizzazione di un Consiglio regionale monotematico, per affrontare la crisi, abbiamo sollecitato e inviato le nostre proposte anticrisi, al Presidente del Governo, candidato nel Piceno. Rinnoviamo il nostro appello: SEI DISOCCUPATO? HAI PARENTI E AMICI SENZA LAVORO? Cerchiamo di difendere i tuoi diritti. UNISCITI A NOI. Per dare forza a tuoi Diritti, Serve la Tua presenza. Questa partita è decisiva, non puoi mancare, al Consiglio Regionale per il Piceno. L’elenco completo delle nostre proposte può essere chiesto tramite il nostro numero WhatsApp 334 7555 410, oppure ad una nostra delegazione presente il martedì e venerdì al mercato di San Benedetto del Tronto, e giovedì e venerdì pomeriggio in Ascoli in Piazza Arringo. Invitiamo le persone a partecipare, e prendere parte in maniera attiva, “perché lamentarsi solo, non serve a niente”. Il tempo delle lamentele è finito, serve partecipare e dare il proprio contributo.

Aderisci e dai una mano con la tua presenza al Gruppo ” Disoccupati Piceni “, inviando un messaggio al numero WhatsApp 334 7555 410. Chi vuole seguirci siamo anche su facebook, basta cliccare “Disoccupati Piceni“, ed essere informati sulle prossime iniziative.

About Emidio Vena

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.