COMPAGNIA DEI FOLLI, E’ INIZIATA ALLA GRANDE L’ESTATE DEL TEATRO DI STRADA

La Compagnia dei Folli ha iniziato alla grande la tournée estiva 2019 con due grandi successi registrati nelle ultime due settimane.

Dal 29 maggio al 2 giugno scorso un gruppo di attori ascolani è stato impegnato a Lubumbashi, nella Repubblica Democratica del Congo, su invito della moglie dell’ambasciatore italiano. La signora Denise porta avanti da anni un progetto a favore dei bambini abbandonati in strada. Purtroppo la povertà costringe molte famiglie a lasciare i propri figli sulla strada, sperando che possano trovare una sistemazione migliore. Molti di loro, come si può facilmente immaginare, muoiono per mano di adulti, oppure sono sfruttati e schiavizzati, altri si raccolgono in piccoli gruppi e cercano di sopravvivere vendendo il proprio corpo per pochi soldi. La signora Denise ha provato a rendere utile la propria presenza a Lubumbashi costruendo un luogo dove dare ospitalità a questi bambini, offrire istruzione e magari una possibilità di riscatto. La Compagnia dei Folli è stata invitata ad un evento che aveva la missione di raccogliere fondi per il progetto e che ha ospitato personalità facoltose che hanno partecipato ad un’asta di beneficenza.

Tornati dall’esperienza in Congo, la Compagnia è subito ripartita per due importanti appuntamenti di sabato scorso 8 giugno: il Corteo Storico di Monza, dove è presente da più di 20 anni realizzando l’evento di chiusura, e a Conegliano Veneto dove ha realizzato la Luna Bianca in occasione della Dama Castellana.

Domani martedì 11 giugno, in occasione della XIII UNESCO Creative Cities Network Annual Conference che si svolge a Fabriano dal 10 al 15 giugno, la Compagnia sarà ad Ascoli Piceno, in Piazza Arringo per lo spettacolo “Cecco: di  stelle, di sfere, di luce”.

Su iniziativa di Fondazione Aristide Merloni, Comune di Fabriano, Regione Marche, Camera di Commercio delle Marche, Commissione Nazionale italiana per l’UNESCO, Fondazione CARIFAC e Provincia di Ancona in collaborazione con Grand Soleil srl, Francesca Merloni, UNESCO Goodwill Ambassador e AMAT, otto città marchigiane (AnconaAscoli Piceno, Fabriano, Fermo, MacerataPesaroRecanati, Senigallia) ospiteranno Le città dell’Orsa. Il progetto è un grande evento culturale dedicato alle Marche che chiuderà nel migliore dei modi la giornata di visita e lavoro delle delegazioni UNESCO suddivise per categoria, nella città della regione.

 

Ad Ascoli Piceno, per Le Città dell’Orsa, sarà la Compagnia dei Folli ad andare in scena con lo spettacolo ispirato a Francesco Stabili, detto Cecco d’Ascoli, poeta, astrologo, libero pensatore, morto al rogo nel 1327.

 

In occasione dei 750 anni dalla nascita di Francesco Stabili, detto Cecco d’Ascoli, la Compagnia dei Folli ha ideato uno spettacolo ispirato al celebre concittadino, astrologo, poeta, libero pensatore condannato al rogo a Firenze nel 1327. Liberamente tratto da alcuni episodi della vita di Cecco, lo spettacolo è una rilettura di alcuni passaggi delle sue opere più famose, su tutte “L’Acerba” ispiratrice di immagini e visioni che saranno messe in scena utilizzando le tecniche sceniche del teatro di strada.

“Cecco:” si svilupperà su tre piani visivi differenti, attori e danzatori a terra, sui trampoli e in sospensione su una gru. Accompagnati da un attore che interpreterà Cecco e declamerà versi de “L’Acerba”, gli spettatori potranno immergersi in una visione quasi futuristica delle idee e dei pensieri di Cecco che prenderanno vita sotto forma di immagini oniriche.

La facciata del Duomo di Ascoli Piceno diventerà la scenografia ideale per proiezioni che accompagneranno le scene di un evento unico, ideato, studiato, realizzato e messo in scena in modo specifico per Piazza Arringo.

About Emidio Vena

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.