ASCOLI, IL BILANCIO DEL MERCATO: ORGANICO RAFFORZATO

Nove cessioni e sei acquisti, questo il bilancio del mercato di gennaio dell’Ascoli. Sono partiti Perucchini, Mignanelli, Carpani, Kupisz, Zebli, Ingrosso, Valeau, Parlati e De Santis. Sono arrivati Rubin, Milokovic-Savic, Andreoni, Chajia, Iniguez e Ciciretti.

L’organico si è “asciugato” di tre pedine e pare rafforzato nei punti che sembravano scoperti: portiere e esterno sinistro. Da valutare l’attacco. Come si dice in questi casi è mancato il botto finale, quello di un bomber. Ma si sapeva che non partendo qualcuno davanti non sarebbe potuta arrivare la punta di peso che serviva. Non hanno trovato “amatori” Ganz, Rosseti e Ngombo. E’ rimasto pure, un po’ a sorpresa, Coly: uno che nel girone di andata non ha mai indossato la maglia bianconera. Bisognerà fare di necessità virtù. Resta però, e non è certo poco, l’arrivo di Ciciretti: uno di quelli che in B può fare davvero la differenza. Gli ingredienti per fare un buon girone di ritorno sono tutti sempre guardando, come primo obiettivo, alla salvezza.