ANGELINI DISTRIBUZIONE, 17 LICENZIAMENTI

ADS ANGELINI DISTRIBUZIONE E 17 LICENZIAMENTI

E’ SALTATO L’INCONTRO TRA REGIONE E MONDADORI; TUTTO RINVIATO A FINE MESE

OO.SS. SUL PIEDE DI GUERRA ; IL PICENO NON UN DISOCCUPATO IN PIU’

 

E’ saltato l’incontro in Ancona della Mondadori con la Regione fissato per Venerdì 7/08/2015; la Mondadori ha telefonato all’Assessorato al Lavoro Regionale comunicando la indisponibilità per motivi di ferie e confermando la propria disponibilità ad un incontro con l’Assessore Regionale Al Lavoro terminata la pausa estiva; tutto rimandato all’ultima settimana di Agosto.

La Arnoldo Mondadori editore SPA, formalmente la PRESS – DI SRL , leggi Mondadori, rappresenta per la ADS ANGELINI DISTRIBUZIONE il 35% del proprio fatturato; la disdetta dei rapporti commerciali della Mondadori è stato il punto di origine da cui è scaturita la decisione della Angelini Distribuzione di chiudere l’azienda, licenziare 17 lavoratori, colpendo drammaticamente con l’indotto 42 unità lavorative.

La Regione Marche è chiamata pertanto, in prima persona, a tessere rapporti con la Arnoldo Mondadori perché riveda la sua disdetta nei confronti della Angelini Distribuzione o si impegni ad evitare cadute traumatiche occupazionali sul territorio.

Il ruolo della Regione è fondamentale; non siamo in presenza di una fabbrica che chiude perché non fa più il prodotto; ma siamo in presenza di un passaggio della distribuzione di carta stampata da una Società ad un’altra; l’attività lavorativa rimane.

I lavoratori non possono essere lasciati con il cerino in mano a bruciarsi; le case editrici e le aziende di distribuzione fanno il loro gioco mentre ai lavoratori arrivano licenziamenti; no le cose non possono stare così. Se la Regione c’è che batta un colpo.

Per le OO.SS. ed i lavoratori che si stanno battendo per salvaguardare il lavoro ed evitare il saccheggiamento del territorio, con l’Angelini Distribuzione la partita è ancora aperta; la strada maestra rimane la revoca della procedura di mobilità e l’avvio dei contratti di solidarietà difensivi; una moratoria di un anno, lavorando di meno, ma lavorando tutti e poi decidere in riferimento agli orizzonti futuri.

Il Piceno non può avere un disoccupato in più; oggi l’imperativo sindacale è fermare la disoccupazione.

 

Segreterie Territoriali

USB Lavoro Privato   –   UGL Terziario   –   Filcams CGIL

About Emidio Vena

Possimus accumsan doloribus natoque turpis habitant, tempora. Impedit risus doloremque! Aenean netus, cillum! Occaecat eleifend? Cubilia condimentum nobis posuere vehicula, ea eiusmod architecto rhoncus proident hendrerit consectetuer, veniam, elementum omnis? Natus sollicitudin consequat? Quas! Eiusmod.